Lodi
24°
cielo sereno
umidità: 49%
vento: 3m/s S
Max 24 • Min 13
Weather from OpenWeatherMap

Ha vinto il NO, scopriamo insieme cosa succede adesso

Referendum Renzi Matteo

Oggi Matteo Renzi riunirà il Consiglio dei ministri per l’ultima volta e poi andrà al Quirinale per dimettersi da capo del governo. La fine del governo Renzi apre una fase di grande incertezza per l’Italia sia dal punto di vista politico che dal punto di vista economico.

Il presidente della Repubblica, come solitamente avviene in questi casi, accetterà le dimissioni e gli chiederà di restare in carica dimissionario per occuparsi dei cosiddetti “affari correnti” fino all’insediamento del nuovo governo.

Inizieranno le consultazioni per capire se in Parlamento esista una maggioranza di deputati e senatori interessata a sostenere un nuovo governo, ed eventualmente chi possa guidarlo. Sergio Mattarella incontrerà i leader di partito e i capi dei gruppi parlamentari, e poi prenderà una decisione: sciogliere le camere e indire le lezioni anticipate o affidare a qualcuno l’incarico di formare un governo guidato da un politico oppure da un tecnico. Un nuovo governo con mandato pieno dal Parlamento oppure con solo il compito di guidare la scrittura di una nuova legge elettorale prima di andare alle elezioni anticipate.

La questione della legge elettorale è molto importante. In questo momento in Italia sono in vigore due leggi diverse: una per la Camera e una per il Senato, che l’esito del referendum costituzionale conferma nella forma e nelle funzioni. Quella che vale per la Camera è l’Italicum, che Renzi si era comunque impegnato a cambiare dopo il referendum e sul quale pende un imminente giudizio della Corte Costituzionale; quella che vale per il Senato è il cosiddetto “Consultellum”, cioè il “Porcellum” come modificato dalla Corte Costituzionale, cioè in sostanza un proporzionale puro. Sono due leggi elettorali poco coerenti – una delle quali potrebbe venire mutilata nel giro di pochi giorni – che oggi renderebbe praticamente certo un esito elettorale simile a quello del 2013: nessun partito con la maggioranza assoluta e necessità di formare una grande coalizione.

Per quanto riguarda le possibili conseguenze economiche, una delle più importanti è l’approvazione della legge di bilancio, che è stata approvata alla Camera e dovrebbe passare in seconda lettura al Senato. Non è necessario che ci sia un governo in carica con pieni poteri per farla approvare, ma in passato i governi (come quello Berlusconi nel 2011 e quello Monti nel 2012) hanno atteso l’approvazione della legge prima di presentare le proprie dimissioni al presidente della Repubblica. Il governo aveva promesso di inserire alcune modifiche nella legge di stabilità durante la seconda lettura al Senato (per esempio un emendamento per limitare il numero di slot machine), ma ora non è chiaro se questi provvedimenti saranno portati avanti.

Investitori e giornali internazionali sono preoccupati anche per il destino di otto banche italiane che si trovano in grosse difficoltà e che nei prossimi mesi dovranno procedere a complicati aumenti di capitale. Il Monte dei Paschi, in particolare, sta tentando di portare a termine un’operazione particolarmente difficile. Diversi esperti hanno sostenuto nelle scorse settimane che, in caso di caduta del governo, queste operazioni sarebbero state molto più incerte. È difficile prevedere cosa accadrà, ora che Renzi ha annunciato le sue dimissioni, ma in molti ritengono che lo scenario peggiore – ossia un fallimento dell’operazione più importante, quella di Unicredit che dovrà raccogliere 13 miliardi di euro – sia ancora abbastanza remoto.

In ogni caso, nei prossimi giorni è probabile che l’euro subirà delle perdite rispetto al dollaro e che lo spread tra i titoli di stato italiani e i bund decennali tedeschi continui a rialzarsi: in estrema sintesi vorrà dire che per lo Stato italiano prendere soldi in prestito sarà più costoso.

Si attende ora la riunione della direzione nazionale del Partito Democratico, prevista per martedì. Sulla base di quanto detto da Renzi dopo l’esito del Referendum Costituzionale.

.

Condividi l'articolo!
 
Lodi
24°
cielo sereno
umidità: 49%
vento: 3m/s S
Max 24 • Min 13
24°
Sab
22°
Dom
23°
Lun
21°
Mar
22°
Mer
Weather from OpenWeatherMap